Tra le molteplici finiture ceramiche il gres porcellanato effetto marmo ha percorso una lunga storia che lo ha portato ad essere uno dei prodotti più venduti in ambito di pavimentazioni per interni.

Come in tutte le storie ci sono stati alti e bassi, oggi questo prodotto vive una seconda giovinezza. Tornate fortemente di moda le piastrelle in gres effetto marmo sono utilizzate per la creazione di ambienti importanti e ricercati in stile contemporaneo.

Lo stile:

Fino a qualche anno fa per la maggior parte dei quarantenni pensare a una piastrella effetto marmo era sinonimo di canonico e pesante. Erano le piastrelle scelte dalle signore, dalle mamme, dalle nonne che erano alla ricerca di una soluzione classica e raffinata. Spesso erano prodotti che non superavano il formato 45×45 cm, stampate in colori che variavano tra il beige e il rosa, distanziate da enormi fughe che nel tempo non aiutavano l’estetica della pavimentazione. Per un lungo periodo la ceramica ha preferito sviluppare materiali effetto legno o con cromie simili al cemento, spinta a seguire i gusti delle nuove generazioni. In questo modo il gres porcellanato effetto marmo aveva perso molto terreno in ambito di produzione e distribuzione.

Il cambiamento:

Oggi le cose sono cambiate, il gres porcellanato effetto marmo è stato rispolverato e svecchiato, adattato alle esigenze degli utenti contemporanei, come si dice in questi casi, le mode ritornano sempre!

Questa inversione di tendenza e reintegro a prodotti ceramici di successo è legata a diversi fattori produttivi, che hanno permesso una forte rivalutazione delle ceramiche marmoree, analizziamo le 2 componenti principali:

  • L’innovazione degli impianti ceramici ha permesso la realizzazione di piastrelle effetto marmo con formati sempre maggiori, si possono produrre piastrelle singole di dimensioni pari a 300×150 cm. In questo modo l’effetto marmoreo ceramico diventa più simile al prodotto originale, andando ad eliminare la presenza di fughe.
  • La tecnologia di stampa digitale permette di riprodurre perfettamente le essenze del marmo, questo rende le piastrelle difficilmente distinguibili dal materico originale.

La rinascita del gres effetto marmo in questo caso è legata ad un innovazione tecnologica che ha permesso alla ceramica di fornire una soluzione più economica ma altrettanto preziosa. I primi ad accorgersene sono stati gli architetti che hanno subito utilizzato queste soluzioni nei grandi progetti, seguiti in un breve periodo dalle prime esecuzioni su progetti residenziali, dove il gres effetto marmo vinee spesso abbinato a pavimenti effetto legno o cemento.

Gres effetto marmo abbinato a gres effetto legno
Gres effetto marmo abbinato a gres effetto legno ceramiche Graniti Fiandre

Gli altri vantaggi per gli utenti che desiderano utilizzare questi prodotti in gres effetto marmo sono sicuramente legati alla resistenza della ceramica e alla facilità di gestione e pulizia, superiori all’elemento naturale.

Le aziende che si distinguono per la realizzazione di piastrelle effetto marmo sono senz’altro la Graniti Fiandre e la ceramica Florim che propongono i prodotti all’avanguardia in multiformato, a partire dalle piastrelle che superano i 3 metri di lunghezza più diverse selezioni di sottomultipli con spessori medi di 6mm.

Questi materiali sono quanto di meglio la ceramica sia in grado di offrire oggi, questo comporta ovviamente un investimento economico importante da parte degli acquirenti.

Sono disponibili sul mercato anche variabili di dimensioni più adatte all’ utenza residenziale con riproduzioni marmoree con stampa digitale in alta qualità a prezzi più agevolati, ne è un esempio la linea Bernini visibile sul web.

Gres effetto marmo serie Bernini
Gres porcellanato effetto marmo serie Bernini disponibile si www.webtiles.it

Write A Comment